festa privata per scambisti

Festa privata per scambisti

Quando le persone normali pensano a una festa privata per scambisti, immaginano subito cose come i racconti erotici o come il film di Kubrick, Eyes Wide Shut: tutti nudi con le maschere veneziane. Non è proprio così la realtà. Infatti, le maschere le indossiamo solo se la serata particolare le richiede. Di solito andiamo a queste feste a viso scoperto così sono gli sguardi e i sorrisi ammiccanti ad eccitarci prima che la nudità dei corpi.

Festa privata per scambisti diventa un rave

Io e Giorgia già eravamo dei veterani delle feste private per scambisti. Avevamo fatto anche qualche altra esperienza in merito con lo scambio mogli e il sesso a quattro però le feste continuavano a conservare un certo fascino per noi. Prima di tutto, per tutta la gente che partecipava ,e secondo, perché le possibilità di divertimento erano moltiplicate.

Ogni volta che andavamo a queste feste, poi, tornavamo con racconti erotici di coppie in più. Era questo il nostro tesoro a parte il godimento.

Questo evento particolare, era stato divulgato tramite i nostri gruppi segreti su Fb. Facevamo parte di una comunità di scambisti di Milano e dintorni che si tenevano in contatto tramite i social per organizzare eventi a tema di questo tipo riservato solo alle persone dell’ambiente.

Il party si teneva in una villa privata di uno dei fondatori del gruppo Fb. Quando siamo entrati, io e Giorgia, siamo stati accolti da visi familiari e altri nuovi, c’era tanta gente. Guardandoci un po’ attorno, abbiamo notato che la situazione stava cominciando a decollare con alcol e droghe varie sparse sul tavolo, i sentivamo a un rave!

Mi allontano da Giorgia per prendere da bere e comincio a guardarmi attorno…

La situazione degenera in un attimo: tutti sopra tutti!

Mi avvicino al tavolo degli alcolici e dico al cameriere di versarmi un gin tonic e un amaro per Giorgia. Mentre ero appoggiato al bancone a fissare l’alcol calare nei bicchieri, arriva una ragazza con un caschetto nero e un tubino rosso attillato fatto tutto di paillettes. Ci scambiamo uno sguardo e subito le strizzo le chiappe con una mano: sono sode e giovani. Mentre la guardo, penso: chissà quanto costa una prostituta? Perché a prima vista potrebbe anche sembrarlo dato che ha anche molto trucco sul viso. Prendo i due drink pronti e torno da Giorgia mentre la sconosciuta col caschetto mi tiene a braccetto.

Giorgia le sorride, le carezza il volto e le ficca la lingua in bocca. Mentre limonano davanti a me, arriva Tiberio, un amico scambista di vecchia data e si mette a strusciare il cazzo dietro la sconosciuta. Io e Tiberio ci facciamo l’occhiolino.

Nel frattempo, adocchio un’altra ragazza sconosciuta, stavolta bionda e molto più alta di me. La faccio sede su una poltrona, mi inginocchio davanti a lei, le apro le gambe (il vestitino le sale sulle cosce) e ficco la testa in mezzo alle gambe per leccarle la fica.

Dopo che mi sbrodolo tutto con il suo liquido, sono pronto tutto duro per cominciare a fare sul serio. È arrivato il momento di ammucchiarci tutti, la parte che preferisco.

Fuochi d’artificio fatti di sborra

Torno dove ho lasciato Giorgia e la vedo già mezza nuda che fa la porca con altri due uomini. Tiberio ha finito di smanacciare la sconosciuta del caschetto quindi me la ributta fra le braccia. Noi e gli altri della festa sono già tutti mezzi nudi. Appena tiro fuori il cazzo, la sconosciuta, Giorgia e un’altra donna vengono davanti a me per spompinarmi. Mentre lo fanno, altri uomini se le ingroppano da dietro come tori in calore.

Io mi stufo dei pompini perché altrimenti esplodo e allora comincio a dare la mia medicina con l’iniezione a destra e sinistra. Non so quante fiche e quanti culi infilzo, non si capisce più nulla. Sono incastrato in un ammasso di corpi umidi e caldi. Tutti sorridiamo e siamo sereni e felici di ciò che sta avvenendo.

Gli uomini cominciano a sborrare e schizzare ovunque. Da quel momento è un effetto domino, come se tutti ci fossi messi d’accordo, sborra che zampilla per aria ed esplode come fuochi d’artificio.

Mentre sto inculando a sangue l’ennesima ragazza che non conosco, anche io sborro fuori perché voglio dare il mio contributo al gioco pirotecnico. Zampillo per aria come un maiale urlando di godimento. Tutti mi applaudono e ricominciano a scopare fra di loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su